Home » BIOGRAFIA E RECENSIONI

BIOGRAFIA E RECENSIONI

RECENSIONE

RECENSIONE - Achille De Tommaso CLOUD PAINT


ACHILLE DE TOMMASO

L'ARMONIA DELL'UNIVERSO

Recensione critica
a cura di Sabrina Falzone

Profondo amante dell'Uomo e della Scienza, Achille De Tommaso può essere definito un ricercatore della natura, intendendo con ciò tutto l'apparato delle relazioni coesistenti tra arte e scienza.

Grande eclettico, l'artista indaga gli aspetti più arcani dell'universo, orientandosi verso un'arte intellettuale, che, da un lato, assorbe le conoscenze del connubio tra creatività e tecnologia; e dall'altro osserva il rapporto anchestrale tra l'uomo e la natura, divenendo cantore di Verità.

Il termine "Cloud Painting" - così  De Tommaso ha denominato il suo modus pingendi - associa l'immagine della nuvola a quel bagaglio di conoscenze posto al di sopra dell'umanità, che ne influenza la vita, ma solo mall'artista è dato coglierne le sfumature inconsce e le vibrazioni emozionali.

Le peculiarità artistiche di Achille De Tommaso si rintracciano non soltanto nell'esperienza visiva della contaminazione culturale tra generi e categorie differenti come scienza, arte e tecnologia, ma anche tra l'indagine estetica e la filosofia esistenziale, aspirando ad una totale armonia degli elementi cosmici.

L'intera produzione di Achille De Tommaso appare sistematicamente raccolta in quattro grandi orientamenti artistici: l'esaltazione del colore, l'arte materica, la Fiber Art e le nuove frontiere della Digital Art..

Il colore vivo e brillante contraddistingue molte opere di De Tommaso, in cui esso diviene poetico veicolo di comunicazione tra l'autore e il fruitore. I valori cromatici appaiono saturi di significati inconsci e dunque connessi agli aspetti psicologici e alla sfera privata delle emozioni.

Il colore imperversa sulla tela con l'audace passione che caratterizzò il movimento Fauve, e, anzichè stridere con la portata teorico-scientifica delle ricerche formali e iconografiche dell'artista, trova nell'enfasi luministica delle velature di reminiscenza fiamminga uno straordinario equilibrio tra pathos e logos, binomio che rispecchia la complessa personalità dell'autore.

L'Arte Materica comprende l'insieme di quadri tridimensionali che hanno per oggetto centrale la materia, gli oggetti stessi. Si tratta spesso di giocattoli e oggetti tecnologici, oltre all'applicazione di materiali eterogenei, che conferiscono all'opera una poliedrica rilettura ironica dell'arte.

Il terzo filone della ricerca artistica di Achille De Tommaso riguarda la Digital Art, mediante la quale le riprese digitali vengono rielaborate in forma pittorica con l'utilizzo aggiuntivo di applicazioni di resina e di coloriture. Questa categoria simboleggia l'apice espressivo della ratio di De Tommaso, in quanto da un lato indaga gli esiti dell'arte frattale e dall'altro punta i fari sui contesti urbani, dove la grande protagonista diventa la città con le sue alterità e il senso di alienazione. L'arte digitale approfondisce le relazioni con lo spazio ne pone l'accento sul confronto tra l'uomo e la città. Lo stile rigoroso e geometrico di questo orientamento tecnico-esecutivo viene, tuttavia, stemperato dalla coscienza di "Autostrada", opera che esprime le angoscie e le ansie del conflittuale rapporto tra l'essere umano e l'urbe nell'oblio della geometria. In tal senso la "Bad City" bdi Ridley Scott in "Blade Runner" e "1997 fuga da New York" di John Carpenter assurgono a modelli interpretativi di particolare rilievo.

Il quarto filone è la "Fiber Art", dove, anche qui, il soggetto centrale è la materia stessa, fatta di stoffe e canape trattate con resine e dipinte; e dove ancora, la parossistica ricerca delle forme e dei colori rivela l'inquieta natura dell'artista.

In generale è possibile affermare che la pittura di Achille De Tommaso esplora in toto il tessuto sociale della contemporaneità, con l'impiego della tecnica mista su una pluralità di supporti che vanno dalla tavola alla tela, fino al plexiglass. L'olio e i colori acrilici si alternano e sovrappongono amabilmente sulla superficie pittorica, determinando un inaspettato equilibrio tonale più che mai visibile nella sperimentazione dei materiali più disparati.

Dal punto di vista iconografico Achille De Tommaso si presenta come un provocatore, mentre scanzonato è il suo linguaggio artistico, estremamente disinvolto nella libertà espressiva e nel passaggio dall'astrazione segnica al figurativo, che spesso risente dei motivi cubisti e futuristi.


SABRINA FALZONE
Critico e storico dell'Arte
www.sabrinafalzone.info

Le mie "Categorie Pittoriche"

Ho suddiviso i miei quadri a seconda delle categorie di tecniche usate:

Arte  come Colore 
Arte Materica
Digital Art
Fiber Art.
 
Ho cercato poi, in questo sito, di scrivere  alcune  cose che ho imparato sui temi che presentano assonanza dell'arte  con scienza e tecnologia; notando come, dagli albori della vita dell’essere umano, l’immagine e la conoscenza dell’universo e dell’ambiente che ci sta attorno, abbiano camminato a braccetto.
 
I quadri illustrati nel sito vorrei  che ci facessero avvicinare a questi temi in maniera provocatoria, ma scanzonata. Per lo meno questo è il mio intendimento. Come se questi argomenti fossero presenti in una nuvola che ci sovrasti in maniera scomposta e influenzi le nostre vite e procuri le emozioni che ho cercato di trasformare in immagini.
 
 

UN MIO LIBRO DI ANTROPOLOGIA

UN MIO LIBRO DI ANTROPOLOGIA - Achille De Tommaso CLOUD PAINT
TRATTA DI ALCUNE ASSURDITA' APPARENTI CHE CIRCONDANO E PERMEANO LA NOSTRA VITA.
APPAIONO "ERRORI DI PROGETTAZIONE"; MA, FORSE....SONO ERRORI DI INTERPRETAZIONE....